'; doc += ''; doc += '
'; winimg.document.writeln(doc); winimg.document.close(); } //]]>

Brand Care è un network di professionisti esperti in brand management che fornisce servizi di design, editoria, web, video, eventi e formazione, dalla semplice consulenza alla definizione di piani strategici completi.
Connettere idee e creare strategie è la nostra passione, oltre che il nostro lavoro.


Export Dry: comprare vino per bere birra

Export Dry ha avuto veramente una stravagante trovata: per andare incontro ai timidi che bevono vino per sentirsi parte del gruppo, ma vorrebbero soltanto una birra, il brand ha organizzato una divertente azione di direct marketing degna di 007.

Export Dry ha scoperto che il suo target tra i 18 e i 25 anni, pur preferendo bere birra e non gradendo il vino, consuma ques’ultimo per senso di appartenenza al proprio gruppo: per salvare questi giovani uomini da questa “tortura”, il brand ha pensato bene di andar loro incontro con una sorprendente azione di direct marketing.

Per la prima volta nella storia dei produttori di birra, Export Dry ha prodotto un vino, una bella bottiglia con tanto di etichetta e tappo dorato. A ben guardare, però, la bottiglia di vino, posizionata tra le tante bottiglie di vino, seppur identica a tante altre, era in realtà un messaggio per i timidi consumatori.


[via]

L’etichetta, infatti, “nascondeva” – alla stregua di un film di spionaggio alla 007 – un monito: “Non devi farlo!”. E, al posto di un elaborato profilo organolettico, le seguenti parole:

Ok, non andare nel panico! Sei nella sezione sbagliata. Continua semplicemente a leggere.
Le persone penseranno che stai studiando le caratteristiche delle uve o qualcos’altro.
Stiamo per tirarti fuori da questo pasticcio e darti delle birre. Birra Export Dry. Frizzante, rinfrescante e ricca di gusto. La birra Export Dry

è una sofisticata lager adatta per ogni occasione. Soprattutto occasioni come questa.

Ecco quello che devi fare. Annuisci e strofinati il mento. Gira la bottiglia tra le tue mani e dì “Squisito”.
Poi avviati alle casse, fai passare la bottiglia allo scanner e riceverai indietro 5 dollari e una confezione di Export Dry. Ok, vai.

Con questa spassosa strategia creativa di direct marketing, colma di mistero e di ironia, Export Dry è riuscita ad aumentare in una sola settimana le vendite dei supermercati del 350% e, i punti vendita che hanno aderito alla promozione hanno potuto registrare le più proficue vendite di Export Dry di sempre.

Io la trovo un’idea geniale, voi?

Altro sulla birra:
- Klein sceglie il Big Ben per lanciare la sua nuova birra
- Per San Valentino Heineken come Cupido con “The Serenade”
- Heineken e lo U-code
- Heineken: l’alba è di chi beve moderatamente
- Gadget di lusso per Heineken
- Stabilimento, archivio storico e museo aziendale Birra Peroni con il Master IED in Brand Management
- Yes or No – Nastro Azzurro vs Citroen DS4
- Come sceglierete le vostra birra del venerdì sera? Mountain Goat Beer vi aiuta con una infografica
- Heineken stupisce ancora con “The Entrance”
- Birra Castello e l’heritage marketing “al contrario”
- Thank God you’re a man – ovvero – Birra e infografici
- La festa ricomincia con Corona Light
- Come muta la pubblicità: l’Ufficio del Turismo Australiano e Heineken
- Arriva il Beer Gloss della Heineken
- Non esiste un unico modo di essere “i migliori”. Il vantaggio competitivo sostenibile dalla teoria alla… birra [Peroni]
- Birra Peroni, la birra nazionale italiana: da “Carosello” all’heritage marketing. Intervista a Fabrizio Contardi
- Birra! La bevanda più social e 2.0 da oltre 3000 anni. On line Brand Care magazine 003
- Brand Care magazine n° 003 è online!
- Heineken: le manie delle donne… e quelle degli uomini
- Miller Lite: la birra dell’ “Uomo-folla”

Be Sociable, Share!

Posted on: giovedì, maggio 17th, 2012 by

Categorie: News.

Tags: | | | | | | | | | | | | |

Subscribe
Follow responses trough RSS 2.0 feed.
Trackback this entry from your own site.

Leave a comment!

Name (required)
Mail (will NOT be published)(required)
Website (optional)