'; doc += ''; doc += '
'; winimg.document.writeln(doc); winimg.document.close(); } //]]>

Brand Care è un network di professionisti esperti in brand management che fornisce servizi di design, editoria, web, video, eventi e formazione, dalla semplice consulenza alla definizione di piani strategici completi.
Connettere idee e creare strategie è la nostra passione, oltre che il nostro lavoro.


Dopo le feste, la palestra [Pilates With Gerda]

Con la Befana le feste si sono decisamente concluse, ormai tutti sono tornati a lavoro e molti staranno pensando di riprendere anche le buone abitudini e tornare in palestra, dato che pare impossibile sopravvivere ai bagordi natalizi senza accumulare qualche kilo in più.
Pilates with Gerda ce lo ricorda con la sua campagna pubblicitaria che al claim “Carrying too much weight?” [trad. ita. “State trasportando troppo peso"], associa due visual alquanto scioccanti.


[via]

Di fitness, palestre e peso forma mi è capitato di scrivere numerose volte, la loro comunicazione è spesso divertente, interessante e sempre in qualche modo brutale, ma credo che la campagna pubblicitaria di Pilates with Gerda batta tutti in fatto di atrocità visive raggiungendo le più alte vette del sublime comunicativo [di bellezza, scusatemi, ma non riesco a parlare davanti a quasti raccapriccianti visual! :D ].

Tecnicamente ineccepibile con le sue illustrazioni ai limiti del fotografico [o foto sapientemente manipolate, non saprei esattamente dire] di due abominevoli bagagli umani resi ancora più reali dal claim “Carrying too much weight?” che in italiano non rende l’idea altrettanto bene. Credo che chiunque si andrebbe a pesare e prenderebbe in considerazione di iscriversi in palestra anche con mezz’etto di sovrappeso guardando tale spettacolo.

Dal punto di vista comunicativo è barbaro, per questo divertente… e poi assolutamente inimmaginabile che a qualcuno possa non arrivare il messaggio di Gerda, no? Domani tutti a fare pilates?

Leggi anche:
- Accorcia le distanze tra te e il tuo peso forma
- Nestlé Fitness trasforma il packaging in medium per l’educazione alimentare
- Estate: voglia di fitness… o necessità?
- Nestlé Fitness e la prova bikini
- adidas is all in: il brand adidas si “ricompone” nella più grande campagna di sempre
- Cosa non si farebbe per evitare la dieta e la palestra
- Your Shape™: Fitness Evolved, la “palestra virtuale” per Xbox 360
- Pescariu sports&spa si allea con i barbieri per convincere gli uomini ad andare in palestra
- Il Fantacalcio non tramonta mai. La Gazzetta dello Sport lo celebra con Magic Leghe e… l’affarone Ranocchia
- Fatpants.org – salute e solidarietà
- Optimum health gym e i visual fatti di parole
- I numeri di un grande evento: cosa resterà di South Africa 2010?
- I Mondiali di Calcio e il Good Will Ball Tour 2010
- Vernice o sudore? Comunque colore
- Sterkinekor: quando Mortal Combat incontra la DC Universe
- Lacoste future report

  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Netvibes
  • RSS
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Wikio FR
  • Wikio IT
  • Yahoo! Bookmarks
  • Yahoo! Buzz

Posted on: giovedì, gennaio 12th, 2012 by alessandra colucci

Categorie: Brand | Comunicazione | Creatività | News.

Tags: | | | | | | | | | | | | | | | | | | |

Subscribe
Follow responses trough RSS 2.0 feed.
Trackback this entry from your own site.

Leave a comment!

Name (required)
Mail (will NOT be published)(required)
Website (optional)

[...] primaverili dei suoi potenziali clienti – e anche un po’ sui loro sensi di colpa per i chili di troppo accumulati durante il rigido inverno – quando ha deciso di entrare in partnership con un [...]

[...] proprio benessere fisico, Cityoga notava che spesso i nuovi iscritti smettevano di frequentare le lezioni di yoga senza portare a termine neppure un mese di allenamento. Alla richiesta di motivare questo [...]

[...] il valore aggiunto legato al seguire un corso di karate ovvero il fatto che si tratta di uno sport che rafforza fisico e mente. Non è da sorvolare, poi, sul fatto che la scuola avrà anche fatto [...]