Brand Care è un network di professionisti esperti in brand management che fornisce servizi di design, editoria, web, video, eventi e formazione, dalla semplice consulenza alla definizione di piani strategici completi.
Connettere idee e creare strategie è la nostra passione, oltre che il nostro lavoro.


Territorio digitale: ora Google Maps localizza gli spazi indoor

Con Android 6.0, l'ultima versione del sistema operativo rilasciata dai Google Labs, e l'ultima release di Google Maps il territorio digitale si arricchisce di una nuova, importante caratteristica: la geolocalizzazione non riguarderà più solo gli spazi esterni, ma anche gli edifici pubblici e privati.

Le implementazioni dei servizi di geocalizzazione non trovano sosta. Nati per permettere agli utenti di orientarsi in spazi pubblici e aperti – tra cui, naturalmente, le strade – le applicazioni che mappano il territorio si sono successivamente trasformate in un grande business che coinvolge le attività commerciali sparse per il mondo.
L'ultima trovata è quella di Google find cheapest cialis Maps (e di chi, se no?), che nella nuova versione ottimizzata per Android 6.0 ora include anche la mappatura degli spazi indoor, permettendo ai viaggiatori di non “smarrire la bussola” anche all'interno di aeroporti e strutture commerciali.

Non appena varato il progetto, la multinazionale di Mountain View ha iniziato a intavolare partnership con svariati brand, come ad esempio Ikea, Macy's e Tokyu, proponendosi di approfondire tale pratica nei prossimi mesi. Attualmente sono gli snodi del trasporto, come le stazioni ferroviarie e – appunto – gli aeroporti a fungere da terreno di sperimentazione, con gli scali internazionali di San Francisco, Chicago, Las Vegas, Houston, Atlanta, Seattle e Narita (Giappone) utilizzati come apripista.

Ex Girlfriend Came Back After Rebound

Le prime ricadute economiche del progetto sono evidenti, con le attività commerciali e turistiche pronte naturalmente a prestare il proprio consenso al “censimento” per risultare più rintracciabili, ma i possibili sviluppi non sono ancora del tutto prevedibili. Quello che cambia rispetto al passato è che in pratica i touch point tradizionali, come i pannelli informativi e la segnaletica orizzontale e verticale, lasciano spazio a un touch point virtuale integrato, che sfruttando le connessioni 3G o Wifi ed il GPS, si presenta sotto forma di interfaccia digitale targata Google.

Ovviamente, almeno per adesso, la nuova release di Google Maps è dedicata a smartphone e tablet, con la schermata delle app che si aggiorna automaticamente rilevando di continuo la posizione dell'utilizzatore; in più, non si sa ancora se prossimamente verrà rilasciata una versione del software per gli Apple user.

zp8497586rq

Posted on: lunedì, dicembre 5th, 2011 by

Categorie: Tecnologie & Web.

Tags: | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |

Subscribe
Follow responses trough RSS 2.0 feed.

Leave a comment!

[...] il crowdsourcing diventa seriale – Cosa cerchiamo su Google? Ecco lo Zeitgeist 2011 (globale) – Territorio digitale: ora Google Maps localizza gli spazi indoor – Google Chrome e il vecchio sogno americano – Google Chrome e la cornice: ecco il nuovo spot – [...]

[...] di consueto Google ha pubblicato in questi giorni lo Zeitgeist, la classifica annuale dei termini di ricerca che hanno [...]