Queimada - Brand Care è la società di comunicazione e marketing che fornisce servizi di design, editoria, web, video, eventi e formazione, dalla semplice consulenza alla definizione di piani strategici completi.
Brand Care magazine mette in contatto business e ricerca per informarti e produrre innovazione.
Connettere idee e creare strategie è la nostra passione, oltre che il nostro lavoro.


Wreck Racing League e il Gran Premio Formula H2O a Santa Marinella il 4 e 5 giugno

Wreck Racing League (WRL) ha scelto i lidi vicino alla Capitale, per l’esattezza Santa Marinella, per organizzare il Gran Premio Formula H2O del 4 e 5 giugno, un gran premio subacqueo il cui ricavato generato dalle iscrizioni degli atleti alla gara andrà totalmente devoluto alle attività con i disabili organizzate da Sea Scout.

Con questo evento, si sta anche iniziando a parlare di un nuovo sport in quanto finora, chi si immergeva, quantunque avesse uno scopo ricreativo o tecnico, lo faceva per un personalissimo piacere, mentre qui si introduce la competizione visto che gli atleti gareggeranno a tempo attorno a un circuito utilizzando il supporto di propulsori subacquei.

Dal comunicato stampa:

Il Gran Premio Formula H2O è un evento in cui atleti normodotati e disabili gareggeranno attorno ad un circuito sommerso sfruttando le potenzialità dei propulsori subacquei ad una profondità di massimo 10 metri. Si tratta di un evento che non è diretto solo ad atleti e ad appassionati dello sport, ma anche di un momento di forte aggregazione per tutti.
I proventi dati dalle iscrizioni degli atleti alla gara saranno interamente devoluti a finanziare progetti di acquaticità con i disabili.

Oltre all’evento subacqueo, sulla spiaggia, si svolgeranno tornei di beach tennis e di beach volley. Sarà inoltre chiuso uno specchio d’acqua dove sarà data la possibilità ai bambini di provare mezzi di propulsione (adatti alla loro età e fisicità). A corollario di tutto ciò ci sarà un palco per incontri e convegni.

Lo scopo di Sea Scout è quello di promuovere l’interesse di un pubblico vasto verso la pratica delle attività subacquee e natatorie in generale. Questi scopi non possono essere disgiunti dalla ricerca continua e dallo sviluppo della sicurezza nelle tecniche di immersione. [...]

Uno degli obiettivi principali è quello di creare le condizioni che permettano lo svolgimento delle attività subacquee alle persone con limitazioni fisiche anche rilevanti contribuendo al miglioramento dell’accessibilità di spazi e ambienti per una subacquea più semplice e divertente, sviluppando e promuovendo iniziative e intervenendo presso i circoli sportivi, i diving, gli stabilimenti balneari e le strutture ricettive circostanti per suggerire, ove possibile e nel rispetto delle esigenze di tutti, le modifiche circa le barriere architettoniche che impediscono l’accesso e la fruibilità della pratica delle attività subacquee per tutti. [...]

Crediamo che sia un’interessante iniziativa e un’occasione per gli appasionati di subacquea. Per maggiori dettagli leggete qui.

Leggi anche:
- Stop alle telefonate – campagna sociale di Comunicazione Perbene
- Una app per giocare alla raccolta differenziata
- Campagne pubblicitarie a scopo sociale: il caso CEI
- La busta è come il maiale – ovvero – Le shopper riciclabili della Lee
- Valore aggiunto dell’assumere un non vedente: spot provocatori in Norvegia
- Cosa ricicliamo e cosa sprechiamo? [infografica]
- Tenete sotto controllo lo stress!
- Riciclo e pacchi regalo… Re-pack project
- 25 novembre – Giornata internazionale contro la violenza sulle donne
- Informare e sesibilizzare con l’entertainment: prevenire e affrontare il cancro al seno
- LICRA: non lasciate che il colore della pelle decida il loro futuro
- Alzheimer e il quotidiano
- Amnesty International e il potere della tua firma
- Creatività e raccolta differenziata
- “Beep-Beep. Time to Remember” supporta gli Obiettivi del Millennio
- Heritage e Facebook: la Slovacchia del 1939 e le persecuzioni razziali
- Comunicare “Green” e il “Green washing”
- Nuova Zelanda: per ricordare ogni giorno l’importanza della memoria e i disagi dell’Alzheimer
- A carte scoperte: la comunicazione secondo MSF
- Campagne socialmente utili
- Forms follows ethos: i casi “Critical Vehicles” e “Lifestraw”

  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Netvibes
  • RSS
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Wikio FR
  • Wikio IT
  • Yahoo! Bookmarks
  • Yahoo! Buzz

Posted on: lunedì, aprile 18th, 2011 by redazione

Categorie: Comunicazione | Culture | Formazione | News.

Tags: | | | | | | | | | | | | | | | |

Subscribe
Follow responses trough RSS 2.0 feed.
Trackback this entry from your own site.

Leave a comment!

Name (required)
Mail (will NOT be published)(required)
Website (optional)